Massa grassa e Termogenica
Supplementazione con Melcalin Dimet e Nimet in combinata con lo stile di vita

Introduzione

La combinazione di eccessi alimentari e stile di vita sedentario promuovono l’aumento di peso e l’obesità con tutte le conseguenze che ne derivano.

Nella continua lotta all’obesità e ai disturbi ad essa correlati, diverse strategie si sono dimostrate utili nell’attivare la termogenesi del tessuto adiposo bruno (BAT) e il dispendio energetico di tutto il corpo (EE24h), sfruttando l’attivazione del sistema nervoso simpatico, come l’attività fisica, l’esposizione al freddo per brevi periodi, l’uso di alcune classi di sostanze chimiche, tra cui gli agenti termogenici, la supplementazione con specifiche vitamine e minerali e un’adeguata nutrizione.
Melcalin Dimet e Melcalin Nimet sono supplementi che, in maniera diversa, coadiuvano le terapie alimentari e fisiche per migliorare il benessere del paziente (vd.TAM: Terapia Alcalinizzante e Metabolica – per il recupero aspecifico della sintomatologia vaga- MUS).
Termogenici
La termogenesi è un processo di conversione delle calorie dei nutrienti in energia termica essenziale per l’omeostasi del corpo ovvero per la termoregolazione, il mantenimento del
metabolismo e il controllo del peso corporeo. Sono stati studiati diversi agenti termogenici tra cui la caffeina, la p-sinefrina (estratto di arancio amaro), la capsaicina e l’acido cloro genico (estratto di chicco di caffè verde)29.
Capsinoidi
La capsaicina e dei suoi analoghi non piccanti (capsinoidi) sono sostanze che aumentano il dispendio energetico e promuovono la diminuzione del grasso corporeo; in particolare i capsinoidi attivano la termogenesi del tessuto adiposo bruno (BAT) e il dispendio energetico di tutto il corpo (EE24h)30; a conferma di ciò, in uno studio effettuato su uomini sani di età compresa tra i 20 e i 32 anni, la misurazione del dispendio energetico del corpo e della temperatura della pelle sono aumentati dopo l’ingestione orale di capsinoidi (9 mg) grazie all’attivazione del BAT31,34; il meccanismo d’azione atraverso cui viene attivato il tessuto adiposo bruno (BAT) è legato al fatto che i capsinoidi attivano il canale TRPV1 che si trova nel tratto digestivo superiore che porta ad un aumento dell’attività del nervo simpatico verso il BAT.Caffeina
La caffeina ha dimostrato aumentare il dispendio energetico con effetto dose-dipendente e, nonostante alcuni dati contrastanti, è generalmente accettato che la caffeina stimoli efficacemente
il sistema nervoso centrale (stimolazione impulsiva del sistema nervoso simpatico) e aumenti il tasso metabolico33.

Esposizione al freddo
Il tessuto adiposo bruno (BAT) viene attivato dall’esposizione acuta al freddo; questo tipo di tessuto adiposo è un regolatore del dispendio energetico e del grasso corporeo pertanto rappresenta un bersaglio promettente nella lotta contro l’obesità e i disturbi ad essa correlati32.
In uno studio, il cui scopo era quello di confrontare l’utilizzo dei substrati durante l’attività fisica svolta rispettivamente in ambiente freddo (-10 gradi) e caldo (22 gradi), è risultato che il dispendio energetico totale e l’utilizzo di grassi durante l’esercizio è stato superiore in ambiente freddo35.

HIIT
Le ultime ricerche indicano chiaramente che l’High Intensity Interval Training (HIIT) può essere piùefficace nel ridurre il grasso sottocutaneo, il grasso addominale e l’IMAT rispetto ad altre tipologie di esercizio. Si è visto che una regolare attività di HIIT è in grado di ridurre significativamente laresistenza all’insulina e aumentare la capacità della massa muscolare scheletrica di ossidare gli acidi grassi36.
Inoltre, l’attività fisica stimola la produzione di irisina, ormone in grado di operare il meccanismo molecolare detto “browning” cioè di conversione della cellula adiposa bianca in beige e, soprattutto nel caso dell’attività di HIIT, porta ad un’adeguata attivazione del sistema nervoso simpatico; è stato anche dimostrato che l’esercizio fisico in combinazione con l’esposizione al freddo è fondamentale per stimolare il BAT.

Vitamine e Metabolismo energetico di carboidrati, lipidi e proteine
Le vitamine svolgono un ruolo essenziale nelle reazioni che riguardano il metabolismo di proteine, lipidi e carboidrati: il metabolismo lipidico viene influenzato da vitamine come la vitamina B1 (tiamina)1 così come dai folati e dalle vitamine B6 e B12; la carenza di queste vitamine ha uneffetto aterogeno determinando un significativo aumento della deposizione di lipidi
nell’avventizia dell’aorta2; studi effettuati sull’attività della vitamina B6 hanno rivelato che la somministrazione ad alte dosi di piridossina in individui alimentati con una dieta ad alto contenuto di grassi e di colesterolo determina la diminuzione della concentrazione di lipidi3,4,5.
La riboflavina (B2) viene trasformata in coenzimi che sono coinvolti nella sintesi degli acidi grassi mentre la vitamina C è in grado diminuire significativamente i valori di colesterolo nel siero e favorire la trasformazione del colesterolo in acidi biliari6,7.

La niacina può essere molto efficace al fine di ridurre LDL, colesterolo e trigliceridi e di aumentare i valori di HDL: è stato riscontrato che la sua somministrazione in combinazione con farmaci ipolipemizzanti (ad esempio, sequestranti degli acidi biliari) ha ridotto l’incidenza di eventi cardiovascolari e ha rallentato la progressione delle lesioni coronariche8,9.
Le vitamine del gruppo B sono essenziali anche per il metabolismo dei carboidrati, infatti contribuiscono a convertire i carboidrati in energia (ATP)10: un deficit di vitamina B1 (tiamina)
determina complicanze simili a quelle che si manifestano nella sindrome metabolica come la disfunzione endoteliale. La somministrazione di tiamina, in soggetti carenti, può prevenire la
formazione di sottoprodotti nocivi del metabolismo del glucosio, ridurre lo stress ossidativo e migliorare la funzione endoteliale11, mentre la somministrazione di vitamina B12 abbassa la glicemia.
Le vitamine del gruppo B sono coinvolte anche nel metabolismo proteico: molte reazioni amminoacidiche dipendono dalla presenza di vitamina B6, poiché questa vitamina interviene nel trasporto degli aminoacidi alle cellule, coadiuva nella costruzione di aminoacidi insieme ad altri enzimi ed è interessata nella sintesi e nel metabolismo di colina, metionina, serina, cisteina, triptofano e niacina12,3.
Il folato è un altro nutriente essenziale coinvolto in molti processi metabolici tra cui la formazione di aminoacidi e la sintesi di nucleotidi (DNA)14.

Minerali e metabolismo
Tra i minerali implicati nel metabolismo dei carboidrati troviamo zinco15,16, rame e cromo.
Una carenza alimentare di zinco influenza negativamente l’utilizzo del glucosio: una sua carenza nella dieta durante la gravidanza influisce sullo sviluppo del feto e sul metabolismo dei carboidrati.
Una dieta povera di rame causa una ridotta risposta insulinemica, pertanto l’utilizzo del glucosio datessuti periferici e il rilascio di insulina possono esserne influenzati17,18. Il cromo è un nutriente essenziale coinvolto sia nel metabolismo dei carboidrati che in quello dei lipidi: le ricerche in tal senso dimostrano che questo minerale è in grado di migliorare la sensibilità all’insulina ed è efficace nel ridurre i lipidi nel sangue19,20,21.
Altri composti ad azione energetica
Il coenzima Q10 (CoQ10) è una molecola organica utile per la produzione di energia28, un suo deficit determina sia disturbi della catena respiratoria, che portano ad alterazioni nel metabolismo
energetico, sia la diminuzione del potenziale di membrana mitocondriale che a sua volta induce apoptosi.
L’L-carnitina è un altro fattore importante per il metabolismo energetico cellulare. È diffusa in tutto l’organismo ma le principali concentrazioni si trovano nel tessuto metabolico più attivo, come il miocardio e il muscolo scheletrico. L’L-carnitina è indispensabile per il trasporto degli acidi grassi a lunga catena attraverso la membrana mitocondriale interna fino al loro sito di ossidazione, dove avverrà la produzione di energia sotto forma di ATP; una delle conseguenze più importanti della carenza di carnitina si manifesta con l’alterazione delle vie metaboliche che
portano alla produzione di energia22,23,24.

Controllo del carico glicemico
Uno stile di vita che comprenda una dieta a basso carico glicemico si è dimostrata in grado di miglio rare i profili di rischio metabolici in uomini e donne: ci sono sempre più studi che riportano
come diete a basso carico glicemico siano in grado di prevenire il diabete e le malattiecardiovascolari6,27.
Il massimo carico calorico energetico dovrebbe essere collocato tra le ore 6 e le ore 9 del mattino cioè nell’acrofase del cortisolo che coincide nella massima attività degli ormoni tiroidei; tale
strategia è utile sia per affrontare meglio i carichi della giornata sia perché lo stimolo insulinemico permette il rilascio del testosterone e aiuta a stimolare il picco del sistema nervoso simpaticodiurno37.

Conclusioni
Un’opportuna supplementazione e un corretto stile di vita che preveda un’adeguata alimentazione e attività fisica regolare associati all’esposizione al freddo per brevi periodi el’uso di alcune classi di sostanze chimiche come gli agenti termogenici, rappresentano tutti strumenti efficaci per la perdita di massa grassa.
Quando c’è bisogno di un’azione combinata di queste strategie sul metabolismo lipidico,glucidico e proteico, Melcalin DIMET costituisce un valido supporto grazie al suo contenuto in vitamine
del gruppo B (B1, B2, B6 e B12 assieme all’acido pantotenico e alla niacina) e acido folico, oltre a minerali quali iodio, magnesio e cromo, che hanno come bersaglio rispettivamente la funzione tiroidea, quella muscolare e nervosa e il metabolismo del glucosio mentre Melcalin Nimet associa le proprietà del Coenzima Q10 e L-carnitina a quelle di minerali come rame e zinco, interessati nelle reazioni di respirazione cellulare e di replicazione di DNA e RNA; questa formulazione risulta essere utile per garantire una sufficiente produzione energetica, una diminuzione della sensazione di stanchezza e un miglioramento della massa muscolare scheletrica (vedi Skeletal muscle, T-score, S-score, IMAT, FM – BIA-ACC Biotekna).

 

Bibliografia
  1.  Effect of Thiamine Deficiency and Thiamine Injection on Total Liver Lipids, Phospholipid, Plasmalogen and Cholesterol in the Rat. J. N. WILLIAMS, JR. AND CARL E. ANDERSON.
  2. Mol Nutr Food Res. 2012 Jul;56(7):1122-30. Epub 2012 May 18. Nutritional B vitamin deficiency disrupts lipid metabolism causing accumulation of proatherogenic lipoproteins in the aorta adventitia of ApoE null mice. McNeil CJ, Beattie JH, Gordon MJ, Pirie LP.
  3. Int J Vitam Nutr Res. 1994;64(4):263-9. Interaction among dietary vitamin B6, proteins and lipids: effects on liver lipids in rats. Pregnolato P, Maranesi M, Marchetti M, Barzanti, Bergami, Tolomelli B.
  4. Aust J Biol Sci. 1978 Feb;31(1):7-20. Pyridoxine and atherosclerosis: role of pyridoxine in the metabolism of lipids and glycosaminoglycans in rats fed normal and high fat, high cholesterol diets containing 16% casein. Vijayammal PL, Kurup PA.
  5. Vopr Pitan.1985 Sep-Oct;(5):43-5. [Action of pyridoxine on lipid metabolism in carbon disulfide-poisoned rats].Petrova.
  6. Elson M. Haas M.D. (Excerpted from Staying Healthy with Nutrition: The Complete Guide to Diet and Nutritional Medicine)
  7. Proceedings of the Nutrition Society (1994), 53,625-630 625. Novel functions of vitamin. BY DAVID A. BENDER
  8. Biochim Biophys Acta.2010 Jan;1800(1):6-15. Epub 2009 Oct 28.Niacin improves renal lipid metabolism and slows progression in chronic kidney disease. Cho KH, Kim HJ, Kamanna VS.
  9. Acta Vitaminol Enzymol. 1982;4(1-2):105-14. Vitamins and lipid metabolism. Fidanza A, Audisio M.
  10. O.Wenker: Vitamin Deficiencies: An Overview. The Internet Journal of Nutrition and Wellness. 2005 Vol 1 Number 1
  11. THE INFLUENCE OF VITAMIN B12 ON CARBOHYDRATE AND LIPTDE METABOLISM. CHIUN T. LINGt AND BACON F. CHOW
  12. Evolution of Vitamin B6 (Pyridoxine) Metabolism by Gain and Loss of Genes.Tsuyoshi Tanaka, Yoshio Tateno, and Takashi Gojobori Center for Information Biology and DNA Data Bank of Japan, National Institute of Genetics, Mishima, Japan
  13. Eur J Clin Nutr. 1989 May;43(5):289-309. Vitamin B6 requirements and recommendations.Bender DA.
  14. Adv Exp Med Biol. 1998;445:239-51.The dynamics of folic acid metabolism in an adult given a small tracer dose of 14C-folic acid.Clifford AJ, Arjomand A, Dueker SR, Schneider PD, Buchholz BA, Vogel JS.
  15. Turk J Med Sci 2006 The effect of zinc Deficiency on zinc status, carbohydrate metabolism and progesterone level in pregnant rats.
  16. Turk J Med Sci 34 (2004) 367-373 Efect of zinc deficiency on zinc carbohydrate metabolism in genetically diabetic (C57BL/KsjDb+/Db+) and non-diabet original strain (C57BL/Ksj) mice. Zine
  17. J Nutr Biochem nov 2003, 14 (11) :648-55. Carbohydrate metabolism in erythrocytes of copper deficient rats. Metabolismo dei carboidrati in eritrociti di ratti carenti di rame. Brooks SP, Cockell KA, Dawson BA.
  18. Isr J Med Sci. 1982 Aug;18(8):840-4.Effect of copper on carbohydrate metabolism in rats.Cohen AM; Teitelbaum A, Miller E.
  19. Metabolism. 2007 Sep;56(9):1233-40. Effect of chromium on carbohydrate and lipid metabolism in a rat model of type 2 diabetes mellitus: the fat-fed, streptozotocin-treated rat. Sahir K, Onderci M, Tuzcu M.
  20. Diabetes.1997 Nov;46(11):1786-91. Elevated intakes of supplemental chromium improve glucose and insulin variables in individuals with type 2 diabetes. Anderson RA, Cheng N, Bryden NA.
  21. West J Med. 1990 January; 152(1): 41–45. The effect of chromium picolinate on serum cholesterol and apolipoprotein fractions inhuman subjects. R. I. Press, J. Geller, and G. W. Evans
  22. Curr Drug Metab. 2011 Sep;12(7):667-78.L-carnitine–metabolic functions and meaning in humans life.Pekala, Patkowska-Sokoła B, Bodkowski R, Jamroz D, Nowakowski P, Lochyński S, Librowski T.
  23. Am J Clin Nutr. 2007 Dec;86(6):1738-44.L-Carnitine treatment reduces severity of physical and mental fatigue and increases cognitive functions in centenarians: a randomized and controlled clinical trial.Malaguarnera M, Cammalleri L, Gargante MP, Vacante M, Colonna V, Motta M
  24. Expert Rev Cardiovasc Ther. 2012 Oct;10(10):1329-33. CoQ10 and L-carnitine for statin myalgia?Dinicolantonio JJ.
  25. ISRN Nutr. 2014; 2014: 650264. Effects of Commercially Available Dietary Supplements on Resting Energy Expenditure: A Brief Report.Roger A. Vaughan, Carole A. Conn, and Christine M. Mermier
  26. J Am Diet Assoc. 2010 Dec;110(12):1820-9. Glycemic index, glycemic load, and prevalence of the metabolic syndrome in the cooper center longitudinal study.Finley CE, Barlow CE, Halton TL, Haskell WL.
  27. J Am Diet Assoc. Author manuscript; available in PMC Dec 1, 2011. Low-glycemic load diets: how does the evidence for preventionof disease measure up? Cari L. Meinhold
  28. BMC Res Notes. 2011 Jul 21;4:245. doi: 10.1186/1756-0500-4-245.Association between genetic variants in the Coenzyme Q10 metabolism and Coenzyme Q10 status in humans.Fischer A, Schmelzer C, Rimbach G, Niklowitz P, Menke T, Döring F.
  29. Phytother Res. 2016 May;30(5):732-40. A Review of Natural Stimulant and Non-stimulant Thermogenic Agents.Stohs, Badmaev V.
  30. Curr Opin Lipidol. 2013 Feb;24(1):71-7.doi:10.1097/MOL.0b013e32835a4f40.Capsinoids and related food ingredients activating brown fat thermogenesis and reducing body fat in humans.Saito M, Yoneshiro T.
  31. Am J Clin Nutr. 2012 Apr;95(4):845-50. Nonpungent capsaicin analogs (capsinoids) increase energy expenditure through the activation of brown adipose tissue in humans.Yoneshiro T, Aita S, Kawai Y, Iwanaga T, Saito M.
  32. Diabetes Metab J. 2013 Feb; 37(1): 22–29. Brown Adipose Tissue as a Regulator of Energy Expenditure and Body Fat in Humans. Masayuki Saito
  33. ISRN Nutr. 2014; 2014: 650264. Effects of Commercially Available Dietary Supplements on Resting Energy Expenditure: A Brief Report.Roger A. Vaughan, Carole A. Conn, and Christine M. Mermier
  34. Phytother Res. 2016 May; 30(5): 732–740. A Review of Natural Stimulant and Non stimulant Thermogenic Agents.Sidney J. Stohs and Vladimir Badmaev
  35. Med Sci Sports Exerc. 1985 Dec;17(6):673-8.Fat utilization enhanced by exercise in a cold environment.Timmons BA, Araujo J, Thomas TR.
  36. J Obes. 2011; 2011: 868305. High-Intensity Intermittent Exercise and Fat Loss.Stephen H. Boutcher
  37. American diabetes association. Effect of Insulin and Glucose Infusions on Sympathetic Nervous System Activity in Normal Man. John W Rowe, James B Young, Kenneth L Minaker, Arthur L Stevens, Johanna Pallotta and Lewis Landsberg